Diventare costruttori di pace

05-03-2019 12:20 – Scuola Secondaria di CrespinaStamani 5 Marzo i ragazzi della terza A e della seconda C della scuola media di Crespina hanno incontrato Giovanna Pagani della Lega Internazionale Donne Pace e Libertà (in inglese WILPF) che è venuta a parlarci di PACE, GIUSTIZIA CLIMATICA, SICUREZZA E SALUTE.L’incontro è stato veramente interessante e coinvolgente.Grazie a Giovanna per i numerosi stimoli su cui avremo modo di lavorare nei prossimi mesi!

Fonte: Serena Campani

16 Marzo Livorno. tre classi dell’ISS Niccolini-Palli

Nell’Aula Magna dell’IIS Niccolini-Palli si è svolto l’incontro laboratoriale con 70 ragazzi e ragazze del Musicale (1°A, 2°A e 3°A). La loro creatività ha reso molto vivace l’incontro, il cui incipit è stato la valorizzazione dell’arte ai fini della promozione della pace.

Durante i lavori di gruppo i ragazzi si sono confrontati sul nesso tra i problemi dell’ambiente e il militarismo, la paura profonda del nucleare e la scelta dei migliori metodi per sensibilizzare la cittadinanza livornese sulle problematiche territoriali collegate alla militarizzazione del suo territorio (porto nucleare al servizio della Base militare Usa di Camp Darby).

Condivisa la percezione del militarismo quale “ seria minaccia per l’umanità e l’ecosistema: estinzioni di specie e inquinamento globale”.

Nucleare: “alcuni ne sono spaventati, altri no, ma siamo comunque tutti consapevoli del pericolo”. “Il nucleare è utile per l’utilizzo energetico, facendo molta attenzione, ma non per l’utilizzo bellico”

“Abbiamo paura perché potrebbe compromettere la nostra vita e il nostro futuro”.

Strategie di sensibilizzazione: “parlarne nelle scuole, protestare attraverso manifestazioni creative e cortei, utilizzare i social media più usati e visitati, lanciare slogan per fare arrivare il messaggio a più persone possibili, concerti, esigere l’applicazione delle leggi ad esempio: piani di sicurezza per la cittadinanza ”

E stato accolto con grande entusiasmo la loro partecipazione allo spettacolo di arte per la pace “ModulAZIONI Artistiche PaceAmbiente “ che si svolgerà a Livorno il 16 aprile al Teatro 4 Mori.

Insieme al Coreutico verrà presentata una performance dedicata alla protezione degli oceani.

Trieste 22 febbraio 2019

PACE FEMMINISTA IN AZIONE: GIUSTIZIA CLIMATICA, SICUREZZA E SALUTE

Venerdì 22 febbraio Bruna Bianchi, storica e past professor a Cà Foscari ha tenuto alcune lezioni nelle Scuole e alla Casa internazionale delle donne di Trieste, per il progetto “Pace femminista in azione: giustizia climatica, sicurezza e salute” promosso dalla Wilpf (Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà) in collaborazione con Comitato pace e convivenza “Danilo Dolci”, Mondosenzaguerre, Arci Servizio Civile e associazione “Tina Modotti”, in preparazione alla 2ª Marcia mondiale per la Pace e la Nonviolenza, che il 2 ottobre partirà da Madrid per visitare l’intero pianeta, e farvi ritorno l’8 marzo dopo aver sostato nel febbraio 2020 a Trieste, come accaduto nel 2009

La professoressa Bianchi ha incontrato due classi del liceo scientifico Galilei, accompagnata dal professor Paciucci, parlando di violenza su civili donne e bambini nei conflitti bellici. Ed ha intrattenuto gli alunni di una terza alla scuola media Codermatz assieme alla professoressa Schiavolin, sul vissuto drammatico dagli adolescenti nel corso della prima guerra mondiale. Nel pomeriggio, presso la Casa internazionale delle donne di via Pisoni, ha illustrato la storia del pacifismo femminista tra la fine dell’800 e la seconda guerra mondiale.

La presidente onoraria di Wilpf Italia Giovanna Pagani ideatrice del progetto, ha aperto il sito www.pacefemministainazione.org che ospiterà materiali delle attività realizzate a Palermo, Monteleone di Puglia, Accadia,Anzano, Sant’Agata, Ariano Irpino, Roma, Livorno, Pisa e Trieste. La Lega internazionale delle donne per la pace è copromotrice della coalizione ICAN, premio Nobel per la Pace 2017. In questa veste ha presentato alla Conferenza ONU per l’istituzione del nuovo Trattato di proibizione delle armi nucleari, la proposta di effettuare uno studio per la denuclearizzazione dei porti nucleari militari di transito di Trieste e Koper-Capodistria, che potrebbe essere realizzato col supporto delle realtà scientifiche presenti sul territorio.

La seconda fase del progetto Pace Femminista in Azione prevede alcuni eventi a carattere nazionale ai quali potrà partecipare una delegazione dalla nostra città. Entro la fine dell’anno scolastico verrà realizzata nel Palazzo dei gruppi parlamentari a Roma, una Giornata nella quale gli studenti potranno presentare alle istituzioni le loro proposte e conoscere le vicende di persone che ci hanno salvato dalla catastrofe nucleare, come ad esempio il colonnello Stanislav Petrov, che verrà ricordato da autorevoli scienziati e sulla cui vicenda è stato realizzato un film. 

Per gli organizzatori Alessandro Capuzzo